SEO semantica

Che cos’è la SEO semantica?

La SEO semantica è il processo di dare più significato e profondità tematica ai contenuti web. In questo modo, aiuti i crawler di Google a capire meglio i tuoi contenuti e a considerarli di alta qualità, ottenendo un ranking più alto nelle SERP.

Nel 2011, quando Google e altri motori di ricerca hanno iniziato a muoversi verso l’intelligenza artificiale e l’elaborazione del linguaggio naturale per capire l’intento del ricercatore e il significato di una query, hanno iniziato a lavorare con entità e concetti piuttosto che analizzare le domande e le pagine web sulla base di parole chiave.

Mentre i motori di ricerca diventavano più intelligenti e iniziavano a esplorare il vero significato delle parole, i proprietari di contenuti hanno iniziato non solo a creare pagine web, ma a descriverle usando dati aperti collegati e tecnologie web semantiche. Questo è stato reso possibile dalla creazione del vocabolario schema.org, un’iniziativa lanciata nel 2011 dai più grandi motori di ricerca del mondo (Bing, Google e Yahoo!) per implementare una struttura comune di schema dati per descrivere le pagine web.

I SEO oggi possono conoscere schema nel contesto del Semantic SEO e studiare gli aspetti in evoluzione di schema. Per esempio, la visualizzazione di stelle nei risultati di ricerca per i prodotti può aumentare i clic e vale la pena di saperne di più.

Perché la SEO semantica è importante?

I motori di ricerca hanno bisogno di un contesto per capire correttamente una query di ricerca e fornire risultati pertinenti. I contesti sono creati usando parole, frasi e altre combinazioni di parole e link trovati in archivi di conoscenza come enciclopedie e grandi corpora di testo.

La SEO semantica è una tecnica di marketing che migliora il traffico dei siti web fornendo metadati significativi e contenuti semanticamente rilevanti che possono rispondere senza ambiguità a uno specifico intento di ricerca. È anche un modo per creare cluster di contenuti che sono semanticamente raggruppati in argomenti piuttosto che in parole chiave.

In un famoso brevetto di Google sui vettori di contesto, viene fatto un esempio con la parola “cavallo”. Una stessa parola, ma con significati diversi in contesti diversi: un “cavallo” è un animale per un cavaliere, uno strumento di lavoro per un falegname e un attrezzo sportivo per un ginnasta. Nell’ottimizzazione semantica dei motori di ricerca, il contenuto è catalogato e organizzato intorno ad ogni contesto, un po’ come Wikipedia, in modo che le macchine possano capire e valutare la sua unicità.

Quali sono i benefici della SEO semantica?

Coloro che approfittano delle tecnologie semantiche per sviluppare una strategia SEO semantica beneficiano di risultati sorprendenti. La ricerca del nostro team ha dimostrato che i dati strutturati sono convincenti dal punto di vista del marketing digitale.

Per esempio, analizzando il sito web di design freeyork.org, abbiamo visto i seguenti miglioramenti nelle metriche dopo tre mesi di utilizzo dei dati strutturati sul sito web:

  • +12,13% nuovi utenti
  • +18,47% aumento del traffico organico
  • +2,4X aumento delle pagine viste
  • +13,75% aumento della durata della sessione

La SEO semantica è qui e ora, e capire cosa sta cambiando e le opportunità che questo nuovo approccio all’ottimizzazione dei motori di ricerca offre può aiutare il vostro business a crescere esponenzialmente. Non solo i motori di ricerca capiranno meglio i vostri contenuti, ma fornirete agli utenti informazioni pertinenti che li trasformeranno più facilmente in clienti. Questo vi darà un vantaggio strategico che vi terrà un passo avanti ai vostri concorrenti.

Come si può ottimizzare il contenuto per la SEO semantica?

Come abbiamo detto prima, la SEO semantica permette al tuo contenuto di essere più intelligente, più facile da capire per i motori di ricerca, e di contenere più informazioni rilevanti per il tuo pubblico di riferimento.

A questo punto, la domanda è come ottimizzare al meglio le pagine web per la SEO semantica.

Il primo passo è capire l’intento della ricerca. Cosa cercano gli utenti e come le macchine capiscono quella query di ricerca.

Il secondo passo è capire le entità e gli argomenti su cui questa query di ricerca si concentra, i concetti correlati che possono essere aggiunti e qualsiasi opportunità per i dati strutturati.

In terzo luogo, è necessario ottimizzare il contenuto per coprire questi argomenti e menzionare queste entità nella pagina. Bisogna anche cercare i link interni.

Poi si aggiunge il markup alla pagina. Qui è dove si aggiungono le informazioni strutturate sulle entità e qualsiasi altro dato strutturato che si può avere.

E infine, assicuratevi di avere buoni title tag e titoli e alt text delle immagini e tutte quelle cose che giocano un ruolo importante nel SEO tradizionale.

Il web è pronto per la SEO semantica?

Un Web più semantico non riempie le pagine con sinonimi o parole semanticamente rilevanti. È, come ha scritto Tim Berners-Lee:

Il Web semantico non è un Web separato, ma un’estensione del Web attuale in cui alle informazioni viene dato un significato ben definito che permette a computer e persone di lavorare meglio insieme.

Solo pochi mesi dopo il lancio di schema.org, Amit Singhal, all’epoca SVP of Engineering di Google, pubblicò un importante contributo che cambiò il gioco: Introdurre il Knowledge Graph: Things, Not Strings. Lì disse:

“Prendete una query di ricerca come [taj mahal]. Per più di quattro decenni, la ricerca ha riguardato essenzialmente l’abbinamento delle parole chiave alle query. Per un motore di ricerca, le parole [taj mahal] sono solo questo: due parole”.

“Ma sappiamo tutti che [taj mahal] ha un significato molto più ampio. Si potrebbe pensare a uno dei monumenti più belli del mondo, o a un musicista vincitore di Grammy, o forse anche a un casinò di Atlantic City, NJ”.

“Il Knowledge Graph ti permette di cercare cose, persone o luoghi […] Questo è un primo passo critico verso la prossima generazione di ricerca che attinge all’intelligenza collettiva del web e capisce il mondo un po’ di più come fanno le persone”.

You can build a Knowledge Graph from a SERP, by leveraging the WordLift Add-on for Google Sheet. To learn more about this 3-steps process, watch this video.

Mappe tematiche nella SEO semantica

Il web sta cambiando, diventando sempre più semantico. Anche la SEO sta cambiando e sta diventando più semantica. Questo perché i motori di ricerca si sono evoluti e si stanno spostando sempre più verso la lettura dei contenuti sul web. Naturalmente, questo ha anche cambiato il modo in cui creiamo contenuti, soprattutto se vogliamo posizionarci meglio nei motori di ricerca. Quindi non dobbiamo più pensare in termini di pagine web e parole chiave, ma in termini di relazioni.

Ted Nelson, il pioniere di Internet, ha parlato di intertwingularity per rappresentare l’idea che tutte le cose nell’universo sono profondamente interconnesse.

Intertwingularity non è generalmente riconosciuto, la gente continua a fingere di poter rendere le cose profondamente gerarchizzate, categorizzabili e sequenziali quando non è possibile. Tutto è profondamente intrecciato.

Sulla base delle relazioni tra le intenzioni di ricerca, il motore di ricerca preferisce un contenuto nel posizionamento calcolando la distanza tra i vettori di significato. Quello che possiamo fare è progettare un’architettura che faccia capire al motore di ricerca le relazioni tra diverse idee e concetti. Quindi si tratta di creare mappe tematiche.

Le mappe tematiche ti aiutano a sapere di cosa scrivere e come strutturare il tuo contenuto. Imparare a creare una perfetta mappa tematica migliorerà notevolmente le vostre possibilità di essere trovati su Google e altri motori di ricerca.

To learn more about how to create texts in the age of fragmented reader experience, read Teodora Petkova’s article. 

Cos’è una mappa tematica?

Una mappa di argomenti è fondamentalmente una visualizzazione di concetti interconnessi. Ti permette di vedere, partendo da un argomento, tutte le entità che sono collegate a quell’argomento. In questo modo puoi vedere chiaramente quali entità/concetti/idee sono già stati trattati sul tuo sito, e puoi scoprire nuove opportunità capendo quali contenuti puoi aggiungere e come crearli.

In questo scenario, il content model diventa una parte essenziale della tua SEO. Esso è in grado di rendere il contenuto comprensibile sia per i motori di ricerca che per il tuo pubblico.

Strutturare il tuo content model evidenzia il tuo contenuto e le sue relazioni sottostanti in modo che i motori di ricerca possano riconoscerti tra centinaia di informazioni, rendendoti più visibile agli utenti che soddisfano l’intento di ricerca relativo al tuo business.

Più ricco è il content model in dati strutturati, più possibilità hai di puntare esattamente agli utenti che sono interessati al tuo business. Con WordLift puoi selezionare le informazioni e le connessioni che sono veramente rilevanti per il tuo business e creare un Knowledge Graph sempre più specifico e raffinato per evidenziare solo le sfaccettature che contano di più per gli utenti e l’identità online della tua azienda.

Come si scrive per la SEO semantica?

Il SEO copywriting semantico è una tecnica di content marketing per posizionarsi sui motori di ricerca semantici. Nel SEO copywriting tradizionale, un redattore punta a una parola chiave specifica. Nel SEO copywriting semantico, un redattore parte da una gamma più ampia di argomenti e adatta il contenuto per includere termini e frasi semanticamente rilevanti che aiutano i lettori a capire un argomento, simile alla lettura dei contenuti in un wiki.

Dal punto di vista della scrittura dei contenuti, un modo pratico per fare questo è quello di creare un vocabolario di termini e domande che circondano il tuo argomento. In questo modo, puoi iniziare a pensare strategicamente al contenuto che scriverai.

Vuoi scoprire di più sul rapporto tra scrittura e SEO semantica? Segui il webinar gratuito di Teodora Petkova

 

Da non perdere

L’Automazione SEO nel 2021
Migliora la SEO del tuo sito con l’Intelligenza Artificiale

Video SEO: 3 semplici mosse per raddoppiare la visibilità organica
Usa i video per aumentare il traffico del tuo sito web

Il potere del Product Knowledge Graph abbinato all’E-commerce
Scopri come sfruttare i dati nell’e-commerce

Schema Markup su WooCommerce: una Guida per Principianti
Come sfruttare appieno il potere della SEO

Sei pronto per la nuova SEO?
Comincia a usare WordLift oggi stesso!




Consigli pratici, guide, webinar e casi studio sull’intelligenza artificiale per la SEO: ricevili una volta a settimana nella tua casella di posta.

Consigli pratici, guide, webinar e casi studio sull’intelligenza artificiale per la SEO: ricevili una volta a settimana nella tua casella di posta.

Congratulazioni, sei dei nostri!

Continua a scalare la SERP con il tuo sito: l'AI di WordLift è in offerta al 50% fino al 7 Gennaio Compra Subito!

x