Dati strutturati

COSA SONO I DATI STRUTTURATI?

I dati strutturati sono un formato standardizzato per fornire informazioni su una pagina e classificare quel contenuto sulla pagina; per esempio, su una pagina di ricette, gli ingredienti, il tempo di cottura, la temperatura, le calorie, e così via.
Fonte: developers.google.com

I dati strutturati sono un modo per far parlare il tuo sito web nella stessa lingua dei motori di ricerca, in modo che possano capire facilmente di cosa stai parlando. Per fare questo, hai bisogno di un vocabolario per tradurre il tuo contenuto in informazioni che Google e altri motori di ricerca possano capire. Il vocabolario usato dai grandi motori di ricerca è Schema.org, che puoi usare per strutturare i metadati sul tuo sito web e per aiutare i motori di ricerca a capire i tuoi contenuti pubblicati.

Quando il motore di ricerca capisce il contenuto della tua pagina web, allora può servirlo alle query di ricerca appropriate, fornendo agli utenti informazioni pertinenti e utili per la loro ricerca. I motori di ricerca possono usare i dati strutturati nei cosiddetti rich snippets per migliorare l’esperienza dell’utente.

Per esempio, se hai un sito web di ricette, aggiungendo dati strutturati al tuo sito web, il contenuto della pagina dei risultati di Google potrebbe apparire così:

rich-snippet - Aroundigital.com

Che cosa sono i dati strutturati rispetto ai dati non strutturati?

I dati strutturati sono creati usando uno schema predefinito (fisso) e sono tipicamente organizzati in un formato di tabella. Pensa a una tabella dove ogni cella contiene un valore discreto. Lo schema rappresenta il modo in cui i dati sono organizzati, la riga di intestazione della tabella usata per descrivere il valore e il formato di ogni colonna. Lo schema impone anche i vincoli necessari per rendere i dati coerenti e calcolabili.

Un esempio di dati strutturati è il database relazionale: le tabelle sono collegate usando ID unici, e un linguaggio di interrogazione come SQL è usato per interagire con i dati.

D’altra parte, i dati non strutturati possono venire in molte forme: dalle pagine web alle e-mail, dai blog ai post sui social media, ecc. L’80% dei dati che abbiamo è noto per essere non strutturato. Indipendentemente dal formato utilizzato per memorizzare i dati, stiamo parlando, nella maggior parte dei casi, di documenti testuali costituiti da sequenze di parole.

I dati strutturati sono il modo migliore per i computer di interagire con le informazioni. Ecco perché è essenziale per la SEO: aggiungendo dati strutturati al contenuto del tuo sito web, permetti a Google e agli altri motori di ricerca di capire di cosa stai parlando e mostrare il tuo sito web tra i primi risultati agli utenti che cercano aziende come la tua.

Perché hai bisogno di dati strutturati?

Nella SEO, i dati strutturati passano efficacemente le informazioni essenziali di una pagina web ai motori di ricerca. In particolare, in un recente aggiornamento, Google ha chiarito:

Il contenuto nei dati strutturati è idoneo per la visualizzazione come rich results nella ricerca.

In breve, il motore di ricerca può fornire funzionalità aggiuntive nelle pagine dei risultati di ricerca che miglioreranno la visibilità del tuo contenuto. Per esempio, alla domanda sui dati strutturati, è come il motore di ricerca potrebbe estrarre il contenuto da una pagina web, e metterlo in una casella di risposta, chiamata featured snippet:

SEO e Link Tax: come usare i dati strutturati per i rich snippet - Il blog  di WordLiftEsempio di un featured snippet proveniente dal blog di WordLift, che con l’aiuto di dati strutturati, aiuta il motore di ricerca ad estrarre informazioni critiche. Questo tipo di caratteristica ha un alto tasso di click-through. Significa che un gran numero di utenti che la trovano atterreranno sul tuo sito grazie a un migliore spazio sulle pagine di Google.

Tra le altre funzioni avanzate di Google abilitate dai dati strutturati, c’è il Knowledge Panel:

Un Knowledge Panel è una visualizzazione che appare in cima ai risultati di ricerca (su mobile) o sul lato destro (su desktop), che fornisce informazioni autorevoli su qualsiasi entità o concetto. I dati strutturati aiutano ad attivare questa funzione consentendo a Google di estrarre dati critici dalle tue pagine web, rendendo così il tuo marchio più visibile nei risultati di ricerca.

Altri elementi ricchi innescati dai dati strutturati sono gli event snippet, che possono tirare fuori informazioni critiche per un evento direttamente sui risultati di ricerca, rendendo così il tuo marchio il più autorevole su quell’evento specifico. Creando un’associazione nella mente degli utenti tra quell’evento e il tuo marchio:

Esempio di event snippet. Con il team di WordLift, abbiamo creato una pagina di evento mappando il nostro software per passare informazioni essenziali sull’evento. Il motore di ricerca è stato preso come fonte autorevole di informazioni su quell’evento specifico.

Come si generano i dati strutturati?

Per generare dati strutturati e aggiungerli al tuo sito web, puoi:

  • aggiungere il codice manualmente alle pagine del tuo sito;
  • usare un plugin dedicato, ma richiede comunque scelte manuali;
  • scegliere WordLift e automatizzare completamente il processo.

Nel primo caso, sai come lavorare con il codice, e quindi sai come creare e aggiungere manualmente i dati strutturati al tuo sito web.

Nel secondo caso, questi plugin non richiedono conoscenze tecniche nel codice, ma hanno comunque bisogno di una comprensione del SEO e del markup semantico. Mentre questo rende il tuo lavoro più facile, d’altra parte, ti esclude dall’uso dei dati strutturati se non hai le conoscenze adeguate. In molti casi, devi controllare il contenuto e completare i campi richiesti. Anche se veloce, questa soluzione continua a chiedere lavoro extra.

WordLift risolve questa limitazione e ti permette di aggiungere dati strutturati al tuo sito web anche se non sei un esperto SEO. L’intelligenza artificiale analizza il tuo contenuto e suggerisce automaticamente le entità da markare per il tuo sito web, indicando il miglior tipo di proprietà da assegnare ad esso. Il processo è veloce, l’interfaccia è semplice da usare, e chiunque può iniziare. Infine, a differenza di altri plugin, con WordLift è possibile accedere alla stessa tecnologia utilizzata dai clienti con qualsiasi abbonamento.

Come si aggiungono i dati strutturati al tuo sito web?

I dati strutturati sul web usano Schema.org come vocabolario di riferimento e possono essere incorporati nelle pagine web usando vari strumenti online, compreso Structured Data Markup Helper di Google, o aggiungendo direttamente il codice alle tue pagine web.

Puoi usare diversi formati per aggiungere informazioni al tuo contenuto web implementando il vocabolario di Schema.org, come JSON-LD, Microdata e RDFa.

Structured Data FormatsSource: DevelopersGoogle.com

Se stai usando WordPress, puoi usare WordLift: un plugin per WordPress che aiuta gli editori di contenuti e i proprietari di siti web a marcare i loro contenuti con schema.org markup senza richiedere alcuna competenza tecnica. Grazie all’elaborazione del linguaggio naturale, WordLift lo fa automaticamente.

Come si testano i dati strutturati?

Per testare i dati strutturati sul tuo sito web, puoi usare lo strumento Schema markup validator.

Per convalidare i tuoi dati strutturati, e in alcuni casi, avere l’anteprima di una funzione in Google Search, è possibile utilizzare Google Rich Results Test.

Come Google usa i dati strutturati?

Google usa i dati strutturati per capire il contenuto della pagina e raccogliere informazioni sul web e sul mondo in generale. Google raccoglie queste informazioni su persone, luoghi e cose e costruisce un Knowledge Graph per creare risultati di ricerca interconnessi che sono più accurati e pertinenti.

In questo modo, Google comprende meglio le ricerche e le informazioni degli utenti e collega in modo intelligente i due mondi.

Per saperne di più su Google Knowledge Graph e su come funziona, guarda questo video: https://youtu.be/mmQl6VGvX-c

Che cos’è JSON-LD e come si relaziona con i dati strutturati?

JSON-LD è uno dei tre formati per aggiungere dati strutturati utilizzando il vocabolario schema.org al contenuto del tuo sito web.

I vantaggi di usare JSON-LD per scrivere dati strutturati rispetto ad altri formati come i microdati sono i seguenti:

  • Non influisce sulle prestazioni della pagina perché può essere caricato in modo asincrono;
  • Viene iniettato nella pagina senza impattare la struttura e i tag HTML esistenti;
  • È facile da riutilizzare per gli sviluppatori web perché segue la sintassi JSON;
  • Sfrutta i dati collegati.

Questo è anche il motivo per cui Google incoraggia i proprietari di siti web a utilizzare dati strutturati su una pagina web in JSON-LD. Questo formato permette alle entità, quindi ai concetti di diventare collegati.

Ci sono vari plugin per includere il markup Schema.org sintassi JSON-LD al tuo sito web. WordLift è una di queste opzioni che aggiunge automaticamente questi tag in base all’analisi del contenuto. WordLift utilizza il Natural Language Processing per estrarre le entità nominate proposte all’editor per etichettare il contenuto. Queste entità hanno ID unici (identificatori unici di risorse) nella rete di dati. Con questi ID, WordLift estrae le informazioni e le inietta automaticamente nelle pagine web usando JSON-LD.

 

Entità collegate a DATI STRUTTURATI

Da non perdere

L’Automazione SEO nel 2021
Migliora la SEO del tuo sito con l’Intelligenza Artificiale

Video SEO: 3 semplici mosse per raddoppiare la visibilità organica
Usa i video per aumentare il traffico del tuo sito web

Il potere del Product Knowledge Graph abbinato all’E-commerce
Scopri come sfruttare i dati nell’e-commerce

Schema Markup su WooCommerce: una Guida per Principianti
Come sfruttare appieno il potere della SEO

Sei pronto per la nuova SEO?
Comincia a usare WordLift oggi stesso!




Consigli pratici, guide, webinar e casi studio sull’intelligenza artificiale per la SEO: ricevili una volta a settimana nella tua casella di posta.

Consigli pratici, guide, webinar e casi studio sull’intelligenza artificiale per la SEO: ricevili una volta a settimana nella tua casella di posta.

Congratulazioni, sei dei nostri!

Continua a scalare la SERP con il tuo sito: l'AI di WordLift è in offerta al 50% fino al 7 Gennaio Compra Subito!

x